Ramen come cibo classe B

Ciao nonno,

come ti ho raccontato tante volte, in Italia ormai il sushi è diventato popolare ed anche nelle piccole città si trovano facilmente dei ristoranti giapponesi . Però comunque ci sono gli italiani che non mangiano il pesce quindi non gli piace il sushi. Attorno a me non sono pochi quelli che non accetano il pesce perchè nella mia città viene consumata molto la carne di maiale.

Invece non ho mai sentito dire dagli italiani, che sono stati in Giappone, che il ramen non gli piace. TUTTI lo adorano molto ed alcuni dicono che lo potrebbero mangiare tutti i giorni. E’ considerato un piatto giapponese rappresentativo come il sushi.

Questo fatto a me dispiace un po’. Abbiamo tanti altri piatti più tradizionali, raffinati anche sani ed il ramen è una sorta di cibo “classe B”, no? Tu lo mangi solo per un pranzo veloce, vero? Non è stato mai considerato un piatto elegante per una cena.

Quando torno in Giappone,  è periodo di vacanaze in Italia perciò ci sono spesso i miei amici italiani che visitano Tokyo. Prima pensavo di voler fargli provare i veri piatti tradizionali quindi li portavo nei ristoranti tradizionali, per sempio Kaiseki.

Kaiseki è una forma di pasto tradizionale. E’ composto da tanti piccoli piatti.

L’ambiente del ristorante gli è sempre piaciuto ma i piatti non così tanto, mi pareva (ogni tanto non riuscivano a mangiare tutto). Ho portato diversi italiani ma per quanto riguarda il cibo, ricevevo gli elogi solo per la bellezza dell’aspetto dei piatti. Però non ho cambiato l’idea e pensavo che fosse giusto perché  erano ospiti del nostro paese..

Ci ho messo un po’ di tempo per capire che è più facile fargli piacere piatti popolari come ramen, tonkatsu (cotoletta), okonomiyaki, takoyaki… Quindi adesso li porto anche nei ristoranti di ramen ma solo per pranzo. Pensa quando devi cenare con un cliente di lavoro, dove lo porti? Di certo non in un ristorante di ramen. E’ impossibile, no?




コメントを残す

メールアドレスが公開されることはありません。 * が付いている欄は必須項目です