Sushi di salmone come serie B

Quando un piatto tradizionale viene cucinato in un altro paese è fatto spesso in una maniera strana per adeguarsi al gusto delle persone locali. Da piccolo la pizza, per me, era quella americana (tipo Domino’s Pizza), cioè una sorta di junk food. Quando poi ho mangiato una margherita in Italia mi sono stupito della sua semplicità. E’ proprio un’altra cosa.

Un tipo di sushi chiamato uramaki (un sushi arrotolato, come california roll) è diventato popolare solo all’estero. La sua particolarità è che l’alga viene arrotolata all’interno ma questo tipo non si trova mai in Giappone. Abbiamo invece quello arrotolata all’esterno del riso, che si chiama maki-zushi, ed è servito anche nei ristorante di sushi tradizionali in Giappone. Il carifornia roll è stato inventato per nascondere l’alga che è fondamentale per il gusto ma che, per il suo colore nero, non risulta piacevole agli americani.
 
Quando mi chiedono cosa ne penso del sushi in Italia rispondo che non è tradizionale ma mi piace l’uramaki soprattutto quello con avvocado e salmone, che è un abbinamento geniale. Questo però non si trova mai in Giappone. Il primo motivo è quello di cui ho già parlato. Il secondo è che il salmone è considerato come un pesce di serie B, che non è servito nei ristoranti di sushi tradizionali e di russo. Inoltre la verdura utilizzata per un sushi è solo cetriolo e “kanpyo” (controllate su wikipedia, non so cosa sia esattamente anche io).
 
Ormai l’uramaki con salmone e avocado è uno dei miei piatti preferiti. Penso davvero che, per quanto riguarda la cucina, non si deve essere troppo coservatore.

2 件のコメント

  • E’ vero, la cucina di un paese viene spesso modificata all’estero! Ad esempio penso al piatto “ナポリタン” famoso in Giappone e ispirato alla cucina napoletana. Gli italiani (ed i napoletani specialmente) sono molto conservatori sul cibo e non metterebbero mai il ketchup nella pasta. Però io credo che il gusto di quel piatto potrebbe piacere anche a loro se non avessero questo pregiudizio! Sicuramente è bello conoscere la tradizione, ma penso anche io che la cucina non dovrebbe essere troppo rigida… L’importante è cucinare e mangiare bene! 🙂

  • コメントを残す

    メールアドレスが公開されることはありません。 * が付いている欄は必須項目です