Sono già aperti e diretti e non utilizzano l’alcol per sfogarsi

Ciao nonno,

oggi ti racconto una cosa che ti interessa di sicuro: come si beve in Italia.

Mio nonno amava molto il sake e beveva anche tanto quando era giovane.

Innanzitutto gli italiani bevono meno dei giapponesi. Quando lo dico ai miei amici italiani alcuni non ne sono d’accordo dicendo che non conosco la verità. Allora gli chiedo se anche le donne si ubriacano. Io non le ho viste quasi mai. A Tokyo è facile che si trovino, per esempio, su metro dalle 22:00 alle 24:00 nel weekend, vero?

A cena quando sto per versare il vino in un bicchiere vuoto, le persone mi dicono spesso: “No basta, grazie. Se ne bevo ancora mi ubriaco”. In Giappone lo dicono solo quelli che non reggono molto l’alcol. Se si vuole bere si continua a bere e non ci si ferma perchè non ci si vuole ubriacare… è così da noi, giusto?

A proposito di versare l’alcol, anche in Italia lo si fa ma non è come da noi dove si sta sempre attenti e appena si trova un bicchiere vuoto si chiede se ne si vuole ancora. Quando ero giovane me l’hai insegnato come una buona maniera. Perciò lo faccio quasi riflessamente anche in Italia nei primi anni. Poi mi è capitato spesso che mi dicessero “No grazie”.  Così man mano ho perso questa abitudine. e quando bevo con gli amici giapponesi lo dimentico.. (mi sento una persona che manca di tatto).

Inoltre, non versare così spesso l’alcol vuol dire che anche il mio bicchiere rimane vuoto. Prima, dato che mi sentivo a disagio, non riuscivo a versare altro vino nel mio  bicchiere soprattutto se ero a cena a casa di amici. Guardando gli altri ospiti però lo facevano. Allora man mano mi sono abituato.

Secondo me ci sono vari moitivi per cui gli italiani bevono meno (dei giapponesi). La società giapponese è indulgente verso gli ubriachi ed ubriacarsi non è un privilegio dei giovani. (Quando ero piccolo anche tu qualche volta tornavi a casa ubriaco.. mi ricordo!!) Mentre in Italia non è così. Essere ubriacato fa fare brutta figura soprattutto per le donne.

Un altro motivo è che gli italiani non utilizzano molto l’alcol per sfogarsi. In Giappone, come sai bene, nei locali del quaritiere dove ci sono gli uffici è pieno di gruppi di impiegati e la maggior parte dei loro argomenti è il loro lavoro. Ogni tanto discutono del lavoro (perchè non lo fanno in ufficio?) o parlarno male degli altri colleghi e capi e si lamentano per la condizione di lavoro. Secondo te, anche se non bevessero l’alcol lo farebbero lo stesso? Certo che ogni lavoro crea stress e bisogna sfogarsi ogni tanto ma non è molto sano farlo bevendo l’alcol.

Non è detto che gli italiani lavorino in condizioni meno stressanti. e anche a loro serve ogni tanto sfogarsi . In generarle gli italiani sono più aperti e diretti dei giapponesi quindi se succede qualcosa spiacevole al lavoro (per esempio il capo ha imposto un lavoro scomodo) si cerca di risolvere la questione sul momento (almeno si discute). Certo che non è così semplice fare paragoni ma, nella stessa situazione , sono tanti invece i  giapponesi che non rifiutano senza neanche discutono nemmeno.

L’ipotesi che ho formulato è che quello che fanno gli impiegati giapponesi nei locali (discutono del lavoro) lo possono fare anche gli italiani ma senza l’aiuto dell’alcol anzi lo fanno in ufficio.

Tu, che eri uno di quelli che andavano con i colleghi nei locali del quartiere dove ci sono gli uffici, cosa pensi a proposito?




コメントを残す

メールアドレスが公開されることはありません。 * が付いている欄は必須項目です